Stefania Zanon

Bio

Lentamente muore Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti. Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante. Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce. Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare. Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità. (P. Neruda) "Quando l'amore vi chiama, seguitelo. Anche se le sue vie sono dure e scoscese. E quando le sue ali vi avvolgeranno, affidatevi a lui. Anche se la sua lama, nascosta tra le piume vi può ferire. E quando vi parla, abbiate fede in lui, anche se la sua voce può distruggere i vostri sogni come il vento del nord devasta il giardino. Poichè l'amore come vi incorona così vi crocifigge. come sale alla sommità e accarezza i più teneri rami che fremono al sole, così scenderà alle vostre radici e le scuoterà fin dove si avvinghiano alla terra" «Vivere è la cosa più rara del mondo. I più esistono solamente» (Oscar Wilde) "si vorrebbe essere un balsamo per molte ferite"- etty hillesum Sono, stasera, insieme a voi per dire : in questa sala siete una quota di ladri, di bugiardi, di suicidi, e io sono fratello di ogni peggio che sta in un uomo, dentro di me, e in ognuno, da fratello gemello. Non sono giudice del figlio di mio padre e non sono il suo guardiano. Amo chi d'improvviso si vergogna per quello che ha commesso e butta le mani in faccia, così sconta. Stasera- fra di noi- io amo l'ubriaco che perde la via di casa.( Erri de Luca) "Signore, questo è un periodo di merda... fa che almeno sia un buon concime!" (preghiera di un bambino ad un campo!!) Andai nei boschi per vivere con saggezza, vivere con profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto. Henry David Thoreau

Latest Insta posts

Current Online Auctions